Welcome to ASCOMARE

United-Kingdom-Flag.png

ASCOMARE (Associazione di Consulenza in Diritto Internazionale del Mare) is a project driven by young professionals and experts in international law to offer pro-bono consultancy in Law of the Sea.

The Law of the Sea is one of the oldest branches of public international law. For centuries, it has governed a wide array of rules, principles and legal dynamics related to the utilisation of Oceans by States and individuals subjected to their jurisdiction and control. To date, the most important source of international law of the sea is the United Nations Law of the Sea Convention (LOSC), adopted on 10 December 1982 in Montego Bay, Jamaica, at the 11th session of the United Nations Conference on the Law of the Sea (UNCLOS), and entered into force on 16 November 1994.
Problems of oceans space are closely interrelated and therefore they need to be considered in an integrated way, notably by taking into account their cross-sectoral nature and the relationship existing between the Law of the Sea and other fields of international law, including maritime law, trade law, environmental law, humanitarian law and criminal law.

In the light of above, ASCOMARE intends to establish a network of experts and young professionals to offer pro-bono consultancy on legal matters related to the Law of the Sea, including: international fisheries management and sustainable use of aquatic living resources in areas within national jurisdiction or on the high seas; protection and preservation of the marine environment and long-term conservation of biological diversity; navigational rights and shipping; mining activities in the Area; territorial sea’s baselines and delimitation of maritime boundaries; piracy, armed robbery, maritime counter-proliferation of weapons of mass destruction (WMD), human smuggling, IUU fishing, drug trafficking and other trans-national crimes at sea; flag State responsibility; marine scientific research; the legal status of islands and the body of rules governing archipelagic States.

ASCOMARE aims at developing and sharing fresh, dynamic and original solutions to issues relating to the vast and fascinating world of the Law of the Sea. It allows young experts in international law to challenge themselves with real cases and legal questions for the purpose of improving their practical knowledge in the field of the Law of the Sea. In this regard, the choice to offer free consultancy services is moved by the desire to tear down the functional barriers and cultural elitisms which too often impede the professional growth of those who wish to build a legal career in that field.

Click here to know more about our team.


Italy-Flag

ASCOMARE (Associazione di Consulenza in Diritto Internazionale del Mare) è un progetto ideato e gestito da esperti, giovani professionisti e laureati in diritto internazionale, il cui l’obiettivo è quello di offrire consulenza pro-bono in Diritto del Mare e materie ad esso collegate.

Il Diritto del Mare è una delle branche più antiche del Diritto Internazionale Pubblico. Per secoli, esso ha disciplinato un’ampia gamma di regole, principi e dinamiche giuridiche connesse all’utilizzo degli Oceani da parte degli Stati e delle persone fisiche e giuridiche soggette alla loro giurisdizione e controllo. Al momento, la fonte più importante di Diritto Internazionale del Mare è la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (United Nations Law of the Sea Convention; LOSC), adottata il 10 Dicembre 1982 a Montego Bay, in Giamaica, durante l’undicesima sessione della Conferenza delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (United Nations Conference on the Law of the Sea; UNCLOS), ed entrata in vigore il 16 Novembre 1994.

Le questioni relative all’utilizzo degli Oceani sono strettamente correlate tra di loro e, pertanto, necessitano di essere considerate tramite un approccio integrato, in particolar modo prendendo in considerazione la loro natura multidisciplinare a le relazioni esistenti tra il Diritto del Mare e le altre aree del Diritto Internazionale, tra cui il Diritto Marittimo, il Diritto Commerciale, il Diritto Ambientale, il Diritto Umanitario ed il Diritto Penale Internazionale.

Alla luce di ciò, ASCOMARE si propone di creare un network di esperti e giovani professionisti con l’obiettivo di offrire consulenza pro-bono su questioni riconducibili alla più ampia disciplina del diritto internazionale del mare, come: la regolamentazione internazionale delle attività di pesca e l’utilizzo sostenibile delle risorse ittiche nelle aree sottoposte alla giurisdizione dello Stato costiero o in alto mare; la protezione e preservazione dell’ambiente marino e la conservazione a lungo-termine della diversità biologica marina; i diritti di navigazione e le sicurezza marittima; le attività di prospezione, esplorazione e sfruttamento delle risorse minerarie dell’Area; la determinazione delle linee di base del mare territoriale e la delimitazione dei confini marittimi; la pirateria, la contro-proliferazione marittima di armi di distruzione di massa (ADM), il traffico di esseri umani, la pesca illegale, non riportata o non regolata, il traffico di droga o altri crimini trans-nazionali condotti in mare; i diritti e doveri dello Stato di bandiera; la ricerca scientifica marina; il regime giuridico delle isole e le norme che governano gli Stati-arcipelago.

L’obiettivo di ASCOMARE è pertanto quello di condividere e diffondere una visione giuridica fresca, dinamica ed indipendente del Diritto del Mare. Si tratta di un progetto che coinvolge giovani professionisti del settore, consentendo loro di confrontarsi con casi giuridici concreti, al fine di accrescere e condividere la loro esperienza pratica in materia di Diritto del Mare. La scelta di offrire un servizio pro-bono è dettata dalla volontà di abbattere le barriere funzionali e gli elitarismi culturali che, troppo spesso, ostacolano la crescita professionale dei giovani esperti del settore.

Per maggiori informazioni sul nostro team, clicca qui.

search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close